Sono ancora a Bali, questa volta per visitare due isolette a nord-ovest e sud-est di Bali, Menjangan e Lembongan, dove andremo a fare immersioni subaquee. Tanto vale andare in esplorazione di posti un po' meno turistici, carpire la magia e l'essenza di Bali che sicuramente ancora una volta non manchera' di regalarmi !
Appena arrivati decidiamo di visitare i dintorni di Ubud, ci fermiamo al tempio Agung Gunung Raung, uno dei piu' antichi della zona...
..con nostro piacere notiamo che non c'e' nessun turista..
..quindi possiamo visitarlo in tutta calma senza lo stress di attendere che...qualcuno si sposti !
Sempre belle e suggestive le porte della vita all'entrata di ogni tempio Indu.
Sotto una pagoda ci sono gli strumenti con cui vengono intonate le mistiche musiche balinesi.
I draghetti che simboleggiano gli spiriti maligni di cui i Balinesi sono molto timorosi e cercano di mantenerli tranquilli con le loro piccole offerte quotidiane ...
...fatte di vassoietti di foglie di palma intrecciate contenenti riso, e fiori. Questa e' una maschera Barong.
Colpisce l'ordine, la pulizia e la bellezza di queste costruzione molto ben integrate nella natura rigogliosa di cui Bali e' ricolma..
...ogni altare ed ogni statua che simboleggia uno dei tantissimi dei Indu' viene addobbata con drappi colorati, come i sarong che i fedeli devono indossare quando fanno visita ai templi.
(anche noi indossiamo i sarong, che sono teli variopinti con cui ci si copre le gambe e vengono legati in vita)
Anche l'acqua e' ritenuta sacra, ci sono vasche per bagnarsi e siti con piscine e fontane usate dal popolo per le abluzioni di purificazione.
Quando vedo i templi Indu', le costruzioni ai loro interni, le pagode, gli altari..
...mi chiedo sempre che cosa ha di magico questo stile che tanto bene si integra nella natura.
Un particolare del becco del Garuda, altro animale sacro e simbolico per i Balinesi.
Questo stile mi viene da pensare che abbia una qualche formula ancestrale che riesce a valorizzare ancor di piu' la vegetazione, componente fondamentale per il credo Induista.
Anche l'ombellino e' un'altra pennellata di devozione e rispetto per le divinita' le quali, scolpite nella roccia, vengono riparate dal sole!
Continuiamo a esplorare questo magnifico tempio..
..affascinati dalla perfezione con cui tutto tutto e costruito.
Usciamo dalla porta della vita..
...e risaliamo sul nostro furgoncino, mentre un altro ci passa a fianco con la signora...nel cassone!
Colpisce il fatto che, tutte le stradine di Bali sono adornate con questi festoni fatti di foglie di banano essicate, alla base dei quali spesso vengono poste piccole offerte per propiziarsi gli dei.
Ci fermiamo a vedere questo tempio preceduto da scalinate ben curate.
Anch'esso immerso nel verde..
..con le torri contenenti le campane tubolari..
..i mostri in pietra che simboleggiano gli spiriti.
Bali e' stracolma di templi, ma ognuno di essi ha particolarita' costruttive, colori, ubicazioni che impongono anche una breve sosta per ammirarli.
Le donne balinesi sono famose per portare pesi anche notevoli sulla testa, qui ne vediamo un esempio.
Ora siamo al tempio Gunung Kawi..
..una costruzione enorme e famosa per le vasche di abluzione in cui gli abitanti s'immergono per la purificazione.
Al centro del fabbricato c'e' una fontana piena di grossi pesci scuri che ogni tanto si esibiscono in tuffi fuori dall'acqua.
Costeggiano i sentierini di pietra..
..s'incontrano le gabbie dove vengono rinchiusi gli animali che verranno poi utilizzati come sacrifici dalle correnti religiose Vediche e Brahminiche che adorano il dio Agni, il dio del fuoco.
Anche qui colpisce l'estrema pulizia e ordine di tutta quanta l'immensa struttura..
..fino ad arrivare alle vasche purificatrici...
..all'interno delle quali spesso galleggiano bellissime foglie di ninfee.
La natura rigogliosa e' una cornice spettacolare..
..che dona a questo luogo un che di magico!
Sotto le pagode gli altarini sono riempiti dalle forme piu' svariate di offerte, che comprendono anche bottiglie di birra e coca-cola...
...mentre gli altari esterni celano dietro le loro piccole porte colorate e intarsiate i simboli degli dei di cui e' folto il pantheon Indu'.
Immancabili le offerte alla base degli altari..
...e le raffigurazioni spiritiche buone cattive.
La pace e la bellezza del luogo..
..riescono a ispirare atmosfere di devozione e rispetto anche a persone appartenenti a culti differenti da questo, qui non c'e' nulla di sfarzoso e costoso, e' tutto natura e pietra scolpita..
...ma l'insieme del tutto tocca le corde dell'anima ! Questo e' un santone che si appresta a scendera la scalita..
...lo seguo per vedere dove si reca..
..entra in una delle vasche sacre..
..unicamente per depositare una piccola offerta sul muro perimetrale!
Lasciamo il bellissimo tempio dell'acqua per recarci in una delle vie di Ubud famosa per le attivita' di intaglio e scultura del legno e della pietra.
A lato della strada di affacciano tanti piccoli laboratori all'interno dei quali sono all'opera intagliatori e scalpellini..
...che con pazienza e maestria..
...creano i capolavori dell'arte balinese.
Qualche bimbo curioso sbuca dal dedalo di scalette felice di regalare un sorriso per una foto..
...mentre la signora colora le opere appena terminate dal marito...
...che continua ad intagliare le sue opere.
Ovviamente anche qui ci sono le offerte lasciate di fronte o a fianco di ogni locale in cui vengono svolte le attivita' per propiziare la buona sorte.
Alcune entrate di abitazioni di balinesi piu' benestanti sembrano quasi accessi a templi.
Continuiamo la nostra visita..
...lungo la strada abbellita dai classici festoni..
..salutando le signore che fanno rientro nelle loro abitazioni..
...con carichi sapientemente bilanciati sulle loro teste..
..ostentando una sicurezza che fa sembrare quel tipo di trasporto la cosa piu' facile del mondo!
L'acqua e' considerata cosi' sacra che anche i contatori che regolano l'erogazione nelle loro case sono ...ringraziati con piccole offerte!
Al di sopra di un alto muro che costeggia una traversa..
...scorgo una fila di pagode, mi arrampico per dare un'occhiata all'interno..
...e vedo questo tempio privato che secondo me puo' competere con quelli piu' famosi dell'isola, probabilmente qui abita un personaggio facoltoso!
Oggi andiamo a visitare un tempio tra le risaie..
..le stradine sono strette e l'autista ci indica il percorso da fare a piedi, lui ci aspetta li' !
Ci incamminiamo lungo gli stretti argini delle risaie..
..facendo foto cercando di non caderci dentro!
E' una lunga passeggiata, tra il verde e il canto degli aironi.
Ogni tanto incontriamo qualche lavoratore che ci saluta..
...meravigliato di vederci in quei luoghi cosi' poco turistici!
Cominciamo ad avere qualche dubbio sulla correttezza del percorso che stiamo facendo..
..poi, nel momento in cui quasi avevano deciso di tornare sui nostri passi, vediamo il tempio!
Non c'e' nessuno, e' un tempio del paese, fatto per i locali, e a quest'ora sono tutti a lavorare nelle risaie.
Ce lo guardiamo in santa pace, e' un tempio piccolino che l'autista ci aveva indicato perche' famoso per la sua fonte..
..usciamo dall'altra parte..
..e vediamo che c'e' una scalinata ripidissima che porta in fondo ad una gola.
Scendiamo fino ad una terrazza che permette uno sguardo in basso..
..ancora scale..
..poi finalmente si raggiunge una struttura con fontanelle tra felci e vasche..
...veramente bella e suggestiva !
Siamo avvolti solo dal rumore dell'acqua di tutte le cascatelle che escono dai fori delle vasche.
E' sicuramente valsa la fatica della discesa....
..peccato che ora sia tutta in salita!
Usciamo dalla parte opposta da cui siamo arrivati, un po' provati !! Ora, col nostro senso dell'orientamento...dobbiamo cercare di ritrovare la via giusta per il ritorno!
Arriviamo in un piccolo paesino, chiediamo informazioni... qui l'inglese lo sanno in pochi...a fatica capiamo che quella e' una via chiusa, dobbiamo tornare nelle risaie e...
..cercare di aggirare un canalone per arrivare nell'altro versante.
Ok, ok...ci siamo persi !! Mentre ammiriamo gli aironi e pensiamo in che direzione riprendere il cammino..
..incontriamo un balinese che passeggia per la risaia...cerchiamo di fargli capire in che direzione dobbiamo andare e lui, molto gentilmente, ci accompagna fino a raggiungere la strada.
Ma...dove siamo ??
Ci sono solo contadini che portano al pascolo il bestiame..
..o puliscono il proprio campicello. Dopo una salita troviamo un nogozietto con una fanciulla che vende bibite, ha un telefonino in mano, le chiadiamo gentilmente di fare il numero del nostro autista e spiegargli dove siamo: lei pare un po' perplessa ...poi telefona! Tutto si risolve bene, compriamo da bere alla fanciulla e la ringraziamo.
Oggi visitiamo il tempio Penataran Sasih..
...e' un'area templare composta da tre zone..
..cominciamo da quella centrale..
..nel mezzo della quale spicca il trono che simboleggia il posto del dio, riparato dal sole dall'ormai consueto ombrellino.
Dopo un giro attorno al perimetro templare..
..disseminato di pagode addobbate..
..passiamo all'ala ovest..
..dove un gatto se la gode a fianco dell'altarino delle offerte !
Anche qui vi sono splendide pagode addobbate..
..all'interno di un'area cortiliva che ricorda un giardino zen.
Uscendo dalla porta della vita..
..si accede ad una zona coperta ove si svolgono le cerimonie..
..e attraversando la strada..
..vi e' la terza zona..
..dove spiccano le pagone addobbate di giallo..
..e di rosso.
Salutiamo il custode del tempio..
...primo di scendere nel cortile rivolto al calar del sole..
...dove ci soffermiamo a cogliere i dettagli degli addobbi..
..dai colori sgargianti..
..resi piu' accesi dalla luce radente del sole che sta tramontando.
Poco distante..
..c'e' questa porta in rame lavorato..
..che cela un altro cortile..
..con grandi statue simboliche ispirate al mondo dei vivi..
..e dei morti.
Il sole ormai ci sta abbandonando, facciamo ritorno al nostro resort.
Oggi la giornata non e' bellissima..
..grossi nuvoloni minacciano pioggia, peccato perche' la nostra meta e' il tempio di Tenah Lot, famosissimo tempio sul mare..
..che tutti i turisti di solito vanno a visitarlo al tramonto, vi sono migliaia di persone e fare belle foto diventa impossibile, per cui abbiamo deciso di visitarlo al mattino.
Lo spettacolo e' unico, sembra una costruzione uscita da una fiaba...peccato per il tempo che non lo fa risaltare al meglio.
Ora si e' alzato il vento..
..e il cielo minaccia burrasca..
..ma dopo qualche minuto il vento spazza via le nuvole e la giornata comincia a volgere al bello.
Questo e' tempio principale che viene isolato dalla terraferma dalle forti maree.
Anche il mare non e' calmissimo..
..e con la forza delle sue onde continua l'opera di erosione sulla roccia che ospita il tempio.
I sacerdoti portano i doni agli dei..
..e attendono il momento della preghiera sui gradoni a fianco dell'accesso soltanto a loro riservato.
Questa e' la grande terrazza per le cerimonie..
..e questa e' la scalinata con le tre porte della vita per l'accesso al tempio del mare, ormai gremita di turisti.
Fuori dal tempio, un curatissimo giardino circonda il costone..
..dall'alto del quale si puo' ammirare il tempio principale..
..e quello secondario.
Mentre i custodi si riposano all'ombra della pagoda..
...noi andiamo a visitare il parco degli uccelli.
E' un parco molto grande e molto ben tenuto..
..con molti uccelli praticamente in liberta'..
...trattenuti nelle zone ad essi riservati dagli addetti che distribuiscono cibo specifico per ogni specie.
Qui uno splendido Ara..
..e nel fiumicello le anatre mandarine.
Un folto numero di fenicotteri passeggia nel laghetto..
..mentre all'interno della ricostruzione di un'abitazione del popolo Toraja..
...abita una bellissima civetta!
Il parco e' disseminato di laghetti con fontane e ruscelli..
..o riproduzioni di antiche rovine, vicino alle quali si ripara dal sole..
...questo fantastico Kasawari.
Lui e' un Bucero..
..a fianco di un laghetto dove un gruppo di pellicani..
..si dedica all'igiene personale !
Dopo gli Ibis neri...
...andiamo a visitare gli uccelli tipici di Bali..
...non so come si chiamino..
...ma sono spettacolari!
Questi sono Cormorani..
...poi ci fermiamo ad osservare i fenicotteri..
...nelle loro eleganti pose..
...o contorsioni!
Terminiamo la visita..
..con ancora gli Ara dai colori stupendi!
A fianco del parco degli uccelli c'e' il Rettilario....ormai che siamo qui visitiamo anche questo.
Molto carine la due tartarughe di terra con la testa striata di giallo..
...poi c'e' un Caimano a bordo vasca..
..e una serie di Boa arrotolati..
...adagiati sui rami degli alberelli nelle teche.
Hanno tutti la stessa posa arrotolata..
..si vede che e' la piu' comoda per sistemare tutte le loro spire.
Fa eccezione questo, bello disteso sul bordo di pietra.
Molto bello lo sguardo da alieno di questa lucertola..
...ferma immobile sul sasso della sua teca.
Un magnifico Boa albino..
.. un varano del deserto..
..e il balzo della raganella sul vetro antistante mi consente di coglierla in questa particolare posizione!
Queste invece sono due grosse rane toro!
Un varano australiano..
..e ben piu' grosso varano di Komodo..
..alla ricerca di un angolino all'ombra!
Un bellissimo serpente corallo..
..un crotalo..
..un serpente giarettiera..
..e un bel pitone chiudono la carrellata delle serpi..
..e' il momento del coccodrillo..
..bello grosso..
..con una dentatura niente male !
Ci sono parecchie iguane in liberta'..
..con le quali mi metto a giocare..
..cercando di coglierle nelle pose piu' strane..
..come questa !
Da lontano questa sembra una lucertolina..
...ma da vicino ricorda un mostro preistorico, sara' lunga piu' di un metro !
Bella anche quella sull'albero..
..mentre quella che fotografo sull'erba..
..alla fine mi fa pure una pernacchia !
Usciamo anche da questo parco..
..sul campo di fronte un gruppo di balinesi sta facendo meditazione.
Oggi invece siamo diretti al giradino botanico nei pressi del lago Bratan, lo abbiamo giÓ visitato ma e' grandissimo e merita un'altra occhiata.
Lungo la via ci fermiamo in un paesino..
..dove notiamo il mercato, e' sempre ricco di colori e tanti spunti per le foto.
Al suo fianco c'e' un piccolo tempio da dove esce la signora col vassoio delle offerte.
Ci addentriamo nela viuzza centrale, schivando galline che becchettano il suolo in cerca di cibo.
Il mercato e' ancora in preparazione, tutti si danno da fare per sistemare la loro mercanzia..
..la frutta, ordinata per tipo e colore..
..oppure porzioni di pollo gia' cotto con varie salse proposte a contorno.
Torniamo verso il nostro mezzo di trasporto, scattando qualche altra foto ai bellissimi portoni di queste abitazioni.
Sulla strada principale..
..ripassiamo dal tempio..
...ormai colmo delle offerte portate dai gestori del mercato.
Eccoci al giardino botanico..
...qui regna il silenzio e il verde straripante!
C'incamminiamo lungo le viuzze predisposte per il giro turistico..
...ammirando le piante acquatiche, le cascatelle..
...e gli ossrvatorii che assomigliano anche loro a pagode indu'
All'interno di questa costruzione ci sono le orchidee..
..anch'esse sapientemente inserite in un contesto all'altezza della loro bellezza.
Seguiamo il percorso fino alle foreste dei maestosi Benjamin..
...che soltanto le dimensioni della nostra amica al lato destro fanno meglio valutare !!
Ci sono anche le scimmie, abbastanza timorose, che spulciano il terrono in cerca di qualche cosa di commestibile.
Questa e' la zona dei bambu'..
.. con i percorsi che ne fanno ammirare la varieta' di tipologie.
Alcuni sono veramente altissimi !
Proseguiamo il nostro giro..
...lungo i sentierini..
...fino ad arrivare all'area di sosta, dove ci fermiano per pianificare la prossima tappa.
Decidiamo di fare la strada..
...che ci permettee di fare un paio di foto dall'alto al lago Bratan..
..prima di prendere la via..
...che ci porta sulla costa di fronte all'isola di Menjangan, dove arriviamo al nostro resort.
Molto carino..
...immerso in uno splendido giardino fiorito..
..dove, a fianco dei nostri bungalow, trovo pure un esilissimo serpentello che subito corro a fotografare!
Il giorno dopo facciamo le nostre prime immersioni a Menjangan, dove troviamo splendidi fondali colorati, nel pomeriggio andiamo a esplorare i dintorni, questo e' il tempio di Jayaprana..
...dove il sacerdote ci da' il benvenuto mentre accende un paio d'incensi.
Una lunga scalinata porta in cima alla collina..
..fortunatamente il cielo e' leggermente velato..
..altrimenti la scalata sotto il sole sarebbe risultata ben piu' faticosa!
Questo e' l'albero sacro, considerato il piccolo tempio del villaggio..
...prima di arrivare al tempio principale in cima alla collina.
Invece che la classica porta della vita, l'accesso a questo tempio e' organizzato con tre via, quella centrale per chi officia le cerimonie, quella sulla sinistra per l'entrata e quella sulla destra per l'uscita.
Mi soffermo un attimo sui dettagli dell'ombrellino, un piccolo capolavoro di fiocchetti e ricami !
Sui gradoni...il costode del tempio!
Questa e' la sala delle cerimonie riservata solo ai sacerdoti..
...mentre fuori..le scimmie la fanno da padrone, saltellando curiose dai muri agli alberi..
..spulciandosi..
..o facendo razzie delle offerte..
...a volte accanendosi rabbiosamente con gl'involucri !
Questa e' proprio arrabbiata !!
Lui mi sa che sia ...il boss !!
Questo un fanciullo..
...e questo...un momento d'amore !
Mentre scendiamo incontriamo il sacerdote dell'entrata, che sale assieme ad altri mistici per portare le offerte al tempio.
Per le strade di Bali e' frequente notare quanto i locali riescano a caricare i loro scooter !!
Arriviamo in un parco dove, con la guida, andiamo a visitare la foresta delle mangrovie.
Un sentierino accidentato si sviluppa nell'intrigato sottobosco delle mangrovie..
...facendoci ammirare grandi radici aeree..
...o altre dalle forme bizzarre..
...fino ad arrivare a minuscoli golfi naturali che permettono ai pescatori di accedere al mare.
Passiamo a fianco di un'abitazione rurale, dove assistiamo ad un rituale privato nel piccolo tempio di famiglia.
Abbandoniamo le mangrovie e ci addentriamo proprio nel folto della foresta in cerca delle scimmie nere.
Intanto incontrimo questo grazioso scoiattolo dall'enorme coda nera !
Poi..dopo aver guadato un paio di ruscelli in altro, in controluce vediamo la prima scimmia nera.
Saltano velocemente da un ramo all'altro, sempre nascoste dalla fitta boscaglia..non e' facile fotografarle..ma qualcosina si riesce a fare!
Terminiamo il bel giro immersi nella natura, facciamo rientro al nostro resort...e a bordo strada chi troviamo? ..le scimmie nere, uscite dal bosco in cerca di cibo!
Ci godiamo il tramonto in riva al mare..
...mentre il pescatore salpa con la barchetta in cerca di prede.
Lasciamo Menjangan diretti a Tulanben..
..con un pulmino scassato guidato da un giovane balinese. Lungo la strada gli chiediamo se ci puo' portare a visitare il vecchio tempio di Bali Aga, dedicato all'antico popolo di bali.
Fatichiamo un po' a convincerlo...poi capiamo il perche'! Ci inerpichiamo su per una stradina che costeggia la montagna, con una pendenza che a volte rasenta il 20% !! Il pulmino arranca a fatica, il giovane balinese sfriziona, si ferma, chiede indicazioni....secondo noi...ci sta maledicendo!!
Chiede le ultime informazioni a questo paesano...quasi non riusciamo a passare da quanto e' stretta la strada!
Poi dopo un paio di curve finalmente arriviamo !
Dal radiatore del pulmino esce un po' di fumo accompagnato da un odore di freni bruciati poco rassicurante!
Questo e' un vecchio paesino con ancora qualche costruzione del passato..
..al centro del quale spicca questo bel tempio..
...che ne ricorda le antiche origini.
Come sempre i balinesi ci salutano con i loro sorrisi..
..chiediamo se possiamo fare qualche foto e loro acconsentono.
Questi sono raccolti di chiodi di garofano lasciati ad essicare al sole.
Poi arriva questo signore che vende una bibita fatta di spremuta di erbe aromatiche..
...mi lascio tentare...se la bevono loro... tanto male non fara' !
Mentre la nonna mi guarda meravigliata mentre assaggio l'intruglio verde dal sapore poco definibile..
..affrontiamo il ritorno...sperando che i freni del pulmino tengano!!
Lungo la strada facciamo una pausa per dare una sguardo anche a quest'altro tempio..
...circondato da un muro molto elaborato.
Davanti all'entrata si vede al centro un enorme albero sacro..
..mentre all'interno spiccano i grandi draghi colorati a fianco delle scale di accesso...
..tempestate di fiori rossi caduti dall'albero, che donano al complesso un'aria ancor piu' sacra.
Rimaniamo affascinati da questa costruzione..
..usciamo in cerca di un'altura che consenta di fare una foto che dia l'idea dell'enormita' della pianta !
Ecco un altro esempio....di trasporto eccezionale!!
Manca poco a Tulanben..
..ma il pulmino, ormai molto provato, decide di prendersi una pausa....abbiamo forato !!
Il povero autista balinese cerca di sostituire la gomma.. ma non e' facile! ..manca un attrezzo per rimuovere la ruota di scorta. Ferma un motorino di passaggio, si fa caricare e se ne va in cerca dell'attrezzo.
Noi rimaniamo li'...dubbiosi...con la speranza che l'autista...torni! Intanto diventiamo l'attrazione del paese, tutti si fermano come se fosse un evento interessantissimo!
Si ferma pure la polizia..da un occhiata... e se ne va !! Utilissimo !!!
Mentre il tempo passa e la fila dei curiosi aumenta..
..facciamo qualche foto al vulcano Agung, che nel 1963 durante la sua eruzione causo' l'affondamento del Liberty, il famoso relitto da visitare a Tulamben.
Torna l'autista col meccanico, tutto si risolve ed arriviamo al nostro nuovo resort..al calar del sole!
Mi sveglio all'alba e comincio a fare un sopraluogo..
..comincia a spuntare il sole..
..il posto e' proprio carino!
Io le ho gia' fatte un paio di volte le immersioni al Liberty, mentre gli amici vanno in acqua io affitto un motorino per esplorare i dintorni.
Comincio a infilarmi in tutti gli stradelli che vedo puntare verso la montagna..
..e scopro graziosissimi templi nel verde della campagna..
...assolutamente deserti..
...ma carichi di tutta la misticita' che solo Bali puo' offrire.
Col mio "potente mezzo" (si fa per dire!) seguo le stradine in salita..
...che regalano scorci suggestivi del vulcano in lontananza..
..fino a portarmi a quest'altro grande tempio..
..che domina tutta la vallata..
...protetto dalla sagoma imponente del vulcano Agung.
Sembra deserto...entro nell'ala centrale e trovo due personaggi, uno dei quali mi chiede da dove vengo...e iniziamo a chiaccherare. Questo signore e' un facoltoso personaggio che mi invita a casa sua dove mi racconta che sta anche lui costruendo un tempio..
..mentre parlo col balinese faccio altre foto..
..questo posto e' bellissimo..
..e il silenzio assoluto concorre a rafforzare la misticita' del luogo.
Continuo il mio reportage..
..cogliendo gli angoli piu' suggestivi del tempio..
..poi esco seguendo il balinese, anche lui col motorino.
Arrivati a casa sua mi fa conoscere i parenti, affacendati nella preparazione dei pasti..
...come questi straccetti di pollo con le nocciole, promette ben!
Cavolo !! Alla faccia del tempio !! Deve stare piuttosto bene il tipo! Lo ringrazio dell'ospitalita', lo saluto e proseguo lungo il sentiero.
La strada finisce, torno verso la via principale..
..e ficcanasando qua e la' trovo questo tempio sul mare.
La posizione e' molto bella..
..dall'alto della rupe..
..si vede tutto il golfo di Tulamben.
Il tempio e' costruito ad anelli, ce ne sono tre..
..questo e' il secondo..
..e l'ultimo, il terzo.
Proprio una bella veduta..
..riprendo il motorino e mi fermo alla fine di un sentiero sterrato..
..che mi porta in cima ad un altro dirupo sul mare dove incontro un contadino che porta le bestie al pascolo.
Altra bellissima veduta..
..e c'e' pure un osservatorio all'ombra dove passo alcuni minuti ad ammirare il paesaggio.
E via alla scoperta di nuovi orizzonti !!
Qgni tanto mi fermo a fare uno scatto..
..poi continuo la mia esplorazione delle stradine in salita..
..trovo un tempio, tanto per cambiare, e mi fermo.
E' piccolo ma grazioso..
..non le svastiche sui cancelli che, nelle religioni Induiste e Giainiste sono simbolo di benvenuto e di buon auspicio.
Proseguo il mio tour..
..e trovo un altro tempio..
..nel quale mi fermo per qualche foto..
..per poi contunuare per uno stradello che sta diventando sempre piu' stretto..
..fino a diventare un sentiero adatto a un mulo !! Provo a usare lo scooter come fuoristrada..
...ma poverino..ha i suoi limiti e mi pianto !!
Va beh !! L'ultimo pezzo lo faccio a piedi..
..fino all'altopiano dove scatto l'ultima foto!
Bene ! Torno verso la civilta' !
Il mio sedere e' contento di ritrovare un po' di asfalto !!
Mentre scendo a velocita' sostenuta... dietro una curva c'Ŕ un gregge di capre...
..che si spaventano e cominciano a correre !! ..e il proprietario mi maledice !!
Mi sto proprio divertendo..
..non so quanti chilometri ho gia' fatto..
...ma ho rifatto il pieno, ovviamente acquistando una bottiglia di coca-cola family riempita di benzina...qui funziona cosi' !
Ancora qualche foto a templi..
..e paesaggi..
..prima di cominciare a prendere la via del ritorno.
Mi fermo all'ultimo tempio che mi pare valga una sosta per qualche foto..
..il vulcano Agung sullo sfondo fa risaltare di piu' le guglie delle sue torri..
..che dal retro, invece, vengono fagocitate dall'abbondanza del verde di questa vallata.
All'interno del tempio vedo un altare con la statua del toro, simboleggia il dio Nandi che e' il veicolo usato dal dio Shiva, probabilmente questo tempio e' dedicato a lui.
Anche attraversando i sobborghi piu' remoti noto i bellissi festoni che vengono messi a bordo strada, questo ha una coccarda che arriva quasi fino in terra.
Sono ormai vicino alla strada principale, ancora pochi chilometri ..
..poi concludo la mia avventura nel tardo pomeriggio al parcheggio del resort, felice e.. un po' cotto dal sole !
Restiamo tre giorni a Tulanben, alla fine faccio un'altra volta le immersioni al Liberty, sempre belle e suggestive, poi prendiamo il traghetto ed arriviamo all'isola di Lembongan, questo e' nostro resort, situato nella punta a sud-Ovest..
...molto grazioso, e vista la sua posizione..
..ci regala ogni sera fantastici tramonti !
Dopo le immersioni faccio in giro nei pressi del resort ...
..constatando che le spiagge sono davvero poche, la costa e' alta e rocciosa, battuta di continuo dalle onde oceaniche..
..e mi diverto a fare foto giocando con la mia ombra.
Il giorno successivo nel pomeriggio decidiamo di noleggiare un furgoncino per fare il giro dell'isola..
..Lembongan e' una piccola Bali, anch'essa piena di templi ma un po' piu' selvaggia..
..pur mantenendo quell'alea di misticita' che caratterizza le isole di religione indu'.
Le strade sono un massacro, strettissime, piene di buche e a volte sterrate.
Qui siamo al villaggio delle mangrovie..
..dove e' possibile con la barca addentrarsi nel dedalo di sentieri della foresta acquatica.
Spettacolare la doccia fatta con la prua di una barca !
Dopo andiamo nella parte sud dell'isola dove uno stretto ponticino la collega ad un'altra isola..
..l'isola di Ceningan...
...come dice il cartello !
In riva al canale c'e' questo tempio..
..all'interno del quale spicca il grosso albero Benjamin sacro..
..alla base del quale e' stato costruito un piccolo altare.
Ritorniamo a Lembongan e percorriamo la via che costeggia le piantagioni di alghe..
..che qui possiamo vedere mentre la marea sta montando..
..e permette alle barche di riprendere il loro normale assetto.
Questo e' un tempio particolare..
..a fianco del quale i locali stanno preparando le infrastrutture per la festa dei morti che si terra' tra qualche giorno.
Ma la sua particolarita'..
..la si puo' notare soltanto entrando..
..dove in un cortile circondato da meretti in sasso..
..ci sono delle aree con scalette che conducono a grotte sotterranee..
...sono luoghi di meditazione di un antico mistico che viveva in questo luogo..
...e si rifugiava per le preghiere in queste camere naturali trovate ed allargate da lui stesso.
Pagando poche rupie si puo' scendere a visitarle... ma io preferisco restare all'aria aperta!
Domani e' l'utimo giorno per fare immersioni, io sono un po' raffreddato e preferisco saltare.
Decido di affittare uno scooter, memore della bella giornata trascorsa a Bali con un mezzo analogo..
..oggi si celebra la festa dei morti, e' una cerimonia che si tiene una volta ogni due anni, dove i balinesi, anzi, gli abitanti di Lembongan, eseguono una cremazione di massa dei loro defunti. Abbandono il motorino fra le migliaia di altri scooter dei locali, sperando poi...di ritrovarlo !!
Sono state chiuse le vie che portano alla collina dove avverra' la cerimonia, mentre nel centro del paese si allestisce una rappresentazione simbolica della lotta tra il bene e il male, della morte e della rinascita, supportata da ricostruzioni in legno di dei e personaggi della cultura indu' che vengono animati da sostegni in bambu' portati in spalla dai devoti.
Ci sono mille colori e una calca impressionante di partecipanti..
..le donne sono vestite a festa..
...mentre i tralicci in bambu' cominciano ad essere sollevati...
...ha inizio la festa !!
C'e' il bambino a cavallo del dragone che simboleggia la rinascita..
...mentre le altre strutture si posizionano per mimare gli scontri..
...seguiti con estremo interesse da tutti i partecipanti.
Ecco all'opera i sollevatori..
..che con estrema fatica cercano di dare vita alla rappresentazione..
..tra urla e musica ritmata da tamburi ed altri strumenti delle melodie barong.
La folla incita i sollevatori..
...che fanno del loro meglio per dare credibilita' alle movenze della struttura che sostengono a fatica!
Non e' nemmeno facile muoversi tra questo nugolo di persone..
..che, prese dal trasporto allegorico..
..rischia di travolgerti senza nemmeno rendersene conto!
La rappresentazione volge al termine..
..cerco di defilarmi per raggiungere il mio mezzo..
...che dopo un'attenta ricerca (sono tutti quasi uguali) finalmente ritrovo!
Riparto e aprofitto per un giretto ruristico nei dintorni..
...qui noto un cimitero dove le salme vengono "parcheggiate" in attesa della grande cerimonia di oggi, anche le tombe hanno l'ombrellino che simbolicamente ripara la salma dal sole, come segno di rispetto.
Ripercorro la strada delle piantagioni di alghe..
..che al mattino, con la bassa marea..
..lascia le barche appoggiate sulla sabbia.
Lungo la strada le alghe raccolte vengono essicate.
Ora provo ad andare verso la collina dove viene celebrata la cerimonia dei defunti..
...parcheggio lo scooter alla fine della strada chiusa e seguo il flusso di fedeli che salgono verso l'altura.
A lato della via vi sono tralicci su cui vengono preparate le offerte ..
..mentre il fiume di persone continua il cammino.
Lungo la strada c'e' un tempio bianco..
..e' il primo che vedo di questo colore, non so pero' se abbia un significato particolare.
Intanto anche i suonatori salgono verso la vetta con i gong dal suono profondo..
..che contribuiranno a rendere ancor piu' toccante il rito che si apprestano a celebrare.
Ecco, sono giunto in cima alla collina, a fianco del cimitero, chiedo se posso fare foto e mi viene concesso.
Devo dire che mi sento un po' a disagio..
..mi sembra di violare un rito che non mi appartiene..
..e nello stesso tempo rimango affascinato dal caleidoscopio di colori e personaggi di questo luogo.
Vengono eretti questi altari ai quali i fedeli portano le offerte..
..se ne sono tantissime, di vario tipo e contenuto..
..ma quello che colpisce sono i colori !!
Se non sapessi che e' una cerimonia per i defunti..
..l'avrei scambiata per un'allegra festa paesana..
...dove nessuno piange !
Vedo con piacere che c'e' qualche altro turista, la cosa mi solleva un po'...mi sentivo di troppo, col timore che qualcuno mi dicesse di allontanarmi.
In quest'angolo sono stati parcheggiati gli dei simbolici della festa in piazza del mattino..
..qui si puo' notare invece il numero impressionante dei partecipanti !
Poco alla volta vengo dissepelliti i defunti e portati nel palco dove verranno cremati..
...ormai sono rimaste soltanto le tombe recenti che attendono la prossima cerimonia.
E' una continua processione agli altari..
..ormai stracolmi di offerte..
..ma ognuno si sente in dovere di portare la propria.
Tra poco cominciano ad accendere le pire..a questo punto mi allontano...non mi sembra il caso di fare altre foto.. mi e' gia' stato concesso tanto!
Mentre scendo il sentiero incontro questo gruppo di portatrici di offerte, come al solito usano la testa come supporto.
La processione e' ancora molto fitta..
..ora capisco perche' tutta quanta la strada e' stata chiusa !
Continuo la mia discesa a piedi..
..vado a recuperare lo scooter, e' ora di pranzo, e ne aprofitto per una pausa, molto contento di aver avuto l'opportunita' di assistere a questa particolare cerimonia.
Dopo pranzo decido di visitare la parte nord dell'isola..
..trovo una stradina che mi porta in cima alla collina dove svetta questo tempio..
...completamente deserto..
..da cui si gode la vista di tutto il litorale.
Ormai mi so orientare nel dedalo delle stradine, ripasso dalle piantagioni delle alghe..
...che ora la marea sta sommergendo..
..per arrivare fino in cima, da dove si puo' vedere l'unico tratto di costa con la spiaggia, dove partono le barche per le immersioni.
Percorrendo un nuovo sdradello mi trovo sul versante opposto della collina della cerimonia con la strada sbarrata. Fermo lo scooter e chiedo se posso entrare a piedi: posso !!
Pensavo che la cerimonia fosse gia' terminata...ma vedo che il numero di fedeli e' ancora foltissimo!
Si possono notare i palchi dove e' avvenuta la cremazione delle salme..
..e la folla chiassosa che ne segue la pulizia..
..da parte degli addetti al recupero delle ceneri.
Ora la cerimonia si sta concludendo..
Si comincia a sgomberare il campo da strutture e strumenti musicali..
..si spengono gli ultimi focolai..
..e si raccolgono le offerte non consumate dal fuoco purificarore.
I gruppi familiari accampati come tante piccole tribu'..
..raccolgono le loro cose..
..e in modo ordinato fanno rientro alle proprie abitazioni.
A poco a poco l'area si svuota..
..vengono smontate le ultime bancarelle..
..e riaperte le strade sbarrate.
Io finisco di esplorare i dintorni col mio motorello..
..mi affaccio a questo tempio..
..col grande albero sacro al centro..
..e mi avvio lungo la costa nord..
..dove mi fermo per una foto panoramica..
..anche al pescatore che rientra col suo bottino!
Vado a salutare gli amici di ritorno dall'ultima immersione, putroppo anche questa vacanza volge al termine..
..ma ancora una volta Bali e le sue isole ci hanno sorpreso e affascinato !!